Siamo arrivati alla nona giornata di URC (United Rugby Championship), è il giro di boa di questa competizione che conta 18 giornate ed è giunto il momento di analizzare il percorso delle due franchigie italiane in questa competizione. Nell’episodio 75 del podcast Leoni Fuori che conduciamo con Danilo Patella (DanPat Rugby), abbiamo intervistato il capo allenatore del Benetton Treviso Marco Bortolami. In quell’intervista abbiamo cercato di capire come una squadra si approcci a un campionato di altissimo livello come lo United Rugby Championship (URC). Bortolami ci ha spiegato come nella stagione precedente (2021-22), Treviso abbia realizzato un totale di 6 vittorie su 18 e l’obbiettivo per questa stagione sia quello di migliorarsi, soprattutto andando a vincere quelle partite perse di pochissimi punti sul finale o pareggiate. Esempi di questo dalla scorsa stagione sono state Benetton-Ospreys (26-29), Dragons-Benetton (13-13), e Benetton-Connacht (17-21).

Il Benetton Rugby in un momento di dialogo in campo (foto stagione 2021/22).

Il mercato

Come anticipato durante la fase pre campionato, la rosa della squadra si è allargata rispetto agli anni scorsi per raggiungere i 60 giocatori. Questa scelta è dovuta a vari fattori che condizionano la stagione come infortuni o convocazioni della nazionale, che, sopratutto nel caso di Treviso, vedono la squadra perdere sistematicamente un gran numero di elementi. Per le ultime Autumn Nation Series, ad esempio, Treviso ha rilasciato 18 giocatori per la nazionale.
Con la turbolenta partenza di Monty Ioane, Treviso ha ingaggiato Onisi Ratave (dai Fijan Drua) e Ignacio Mendy, con l’argentino proveniente dalla nazionale del rugby a 7 che ha stupito i tifosi biancoverdi segnando due mete al suo esordio casalingo contro Glasgow. Uno spot da coprire per le uscite di Braley e Petrozzi è stato quello del numero 9, con Treviso che ha ingaggiato due dei prospetti italiani più interessanti per questo ruolo (Alessandro Garbisi e Manfredi Albanese) aggiungendo un terzo elemento con esperienza internazionale come Sam Hydalgo Clyne.
Per quanto riguarda il ruolo di mediano di apertura, Treviso ha scelto di ingaggiare Giacomo Da Re e Jacob Umaga per avere profondità in un ruolo dove a titolare troviamo Tomás Albornoz entrato nel giro della nazionale argentina e Leonardo Marin, che ha dimostrato essere un’ottimo prospetto per il club e la nazionale.
Un altro ruolo che ha subito diversi cambi è stato quello del tallonatore con le partenze di Hame Faiva e Tomas Baravalle, lasciando a Monigo Gianmarco Lucchesi e Corniel Els che però ha subito un grave infortunio che lo terrà fuori per tutta la stagione. Dei nuovi innesti, quello più interessante è sicuramente Giacomo Nicotera che ha conquistato il primo cap con la nazionale durante il 6 Nazioni del 2022.

Giacomo Nicotera – fonte @Benettonrugby


Con il fallimento dei Wasps, a Treviso sono arrivati il già citato Jacob Umaga ad apertura, l’utility back Marcus Watson e Matteo Minozzi, uno dei giocatori italiani più sorprendenti degli ultimi anni alla ricerca di un ritorno in azzurro dopo il suo periodo in Premiership segnato da vari infortuni che lo hanno tenuto fuori dal campo. L’esordio di Minozzi con Treviso non è stato dei più memorabili, con un cartellino rosso nella prima frazione di partita contro Edimburgo, ma speriamo di vedere Matteo presto in campo a giocarsi un posto in nazionale nel triangolo allargato con Ioane, Capuozzo, Bruno, Padovani e Gesi.

Matteo Minozzi sfugge a un placcaggio di Anthony Watson – fonte @Sixnationsrugby

Nelle tabelle qui sotto, la lista di tutti i movimenti in entrata ed uscita del Benetton Treviso.

giocatori in entrata

Giocatore Club di Provenienza RuoloEtà
Filippo AlongiMoglianopilone 22
Giacomo NicoteraRovigotallonatore26
Matteo DrudiMoglianopilone22
Siua MaileManawatutallonatore25
Scott ScraftonHurricanesseconda linea29
Henry Time StowersMoana Pasifikaterza linea27
Sam Hidalgo ClyneExeter Chiefsmediano di mischia29
Manfredi AlbaneseCalvisanomediano di mischia21
Alessandro GarbisiMoglianomediano di mischia20
Giacomo Da ReRovigoapertura23
Jacob UmagaWaspsapertura24
Tommaso MenoncelloAccademiacentro20
Marco ZanonRientro da medical joker a Paucentro25
Filippo DragoMoglianocentro20
Onisi RataveFijan Druaala30
Marcus WatsonWaspsutility back31
Ignacio MendyJaguares XVutility back22
Matteo MinozziWaspsutility back26

giocatori in uscita

Giocatore Nuovo club RuoloEtà
Tomas BaravalleDallas Jackalstallonatore31
Hame FaivaWorcester Warriorstallonatore28
Irnè HerbstHarlquinsseconda linea29
Yaree FantiniDarlingtonterza linea25
Callum BraleyNorthampton Saintsmediano di mischia31
Luca PetrozziLondon Scottishmediano di mischia27
Joey CaputoZebre Parmaapertura22
Tommaso BenvenutiNAcentro32
Luca MorisiLondon Irishcentro31
Franco Smith jr.Zebre Parmacentro22
Luca SperandioAlbiala26
Monty IoaneMelbourne Rebelsala28
Tommy BellTokyo Gasutility back30
Andries CotzeeLionsestremo32

La prima metà di stagione

Questa prima parte di stagione ha mostrato un Benetton in grado di vincere partite importati in casa (4/9), rendendo di fatto Monigo uno stadio difficile per le altre squadre in URC. Nelle partite fuori casa coach Bortolami ha scelto di far girare la squadra dando la possibilità ai nuovi innesti di mettersi in mostra e ai titolari di riposare. Il turnover di Treviso ha però portato a un 42 a 10 contro Leinster, un 53 a 8 contro Edimburgo e un 37 a 0 contro Glasgow. L’ultima partita è stata contro Connacht a Galway in uno degli stadi più ostici di tutto il campionato per le dure condizioni meteorologiche che lo caratterizzano e per la capacità della franchigia irlandese di performare al meglio nelle partite casalinghe (20 a 11 contro Munster nella quarta giornata). La formazione per la partita contro Connacht ha visto meno turnover nei primi XV uomini schierati in campo, ma la maledizione delle partite rimane e Treviso non è riuscita a fare punti in classifica, con un risultato finale di 38 a 19.

Home teamResultAway teamOutcome
Benetton33-11GlasgowW
Leinster42-10BenettonL
Benetton34-23ScarletsW
Benetton34-14DragonsW
Edinburgh53-8BenettonL
Benetton22-44BullsL
Glasgow37-0BenettonL
Benetton24-17EdinburghW
Connacht38-19BenettonL
Scott Scrafton guida la maule avanzante di Treviso – fonte Eurosport

La situazione in infermeria

Per quanto riguarda i giocatori in infermeria, l’ultimo bollettino medico rilasciato da Treviso riporta Toa Halafihi infortunato durante la Autumn Nation Series e costretto ai box per circa 10 settimane. Infortunate anche le aperture Giacomo Da Re (circa 2 mesi di stop) e Leonardo Marin per una frattura da stress alla tibia. Carl Wegner ha subito una distorsione alla caviglia e purtroppo il tallonatore Corniel Els sarà fuori per tutta la stagione a causa di una concussione cerebrale con interessamento neurologico periferico dell’arto superiore destro, avvenuta lo scorso 23 Aprile. Il mercato di Treviso si è mosso per far fronte a questi infortuni, con l’ingaggio di Jacob Umaga dai Wasps per dare supporto ad Albornoz ad apertura, mentre a tallonatore con la partenza di Faiva e l’infortunio di Els, i biancoverdi hanno ingaggiato il tongano Siua Maile, in un ruolo attualmente coperto dai nazionali Lucchesi e Nicotera nonché dal giovane nazionale U20 Lapo Frangini.

Corniel Els in azione contro Leinster – fonte Benettonrugby

Le statistiche più interessanti

Con 184, Treviso è dodicesima (su sedici squadre in URC) in classifica per punti segnati. A guidare questa statistica per la Benetton è Tomás Albornoz con 55 punti, sesto in tutta la competizione. Un dato allarmante è la scarsa capacità di Treviso di segnare mete, la franchigia veneta si trova infatti in penultima posizione con 21 mete segnate, stessa posizione in classifica anche per difensori battuti (115). Rimanendo nelle statistiche di attacco, Treviso è decima per offload (67) e nona per metri guadagnati. In difesa Treviso sta lavorando molto bene sui placcaggi, infatti la troviamo prima per placcaggi effettuati con 1490 e seconda per efficacia con una media del 90% condita da 63 turnover vinti. Questo dato è sintomo di una grande preparazione difensiva da parte dello staff tecnico biancoverde, che ha a disposizione giocatori molto abili nel placcaggio sia in mischia che nei trequarti come Zuliani, Lorenzo Cannone, Lamaro e Brex. Per quanto riguarda la disciplina, Treviso conta 5 cartellini gialli e 2 cartellini rossi, trovandosi al dodicesimo posto per calci di punizione concessi all’avversario. Questo è sicuramente uno dei fondamentali su cui i biancoverdi devono migliorare per evitare di andare sotto nel punteggio, considerando la capacità di alcune aperture di centrare i pali da qualsiasi zona della metà campo avversaria e dell’efficacia dei pacchetti di mischia celtici e sudafricani di andare in meta con le maule avanzanti. L’ultimo dato di cui parleremo è proprio quello della mischia, con Treviso in grado di vincere il 95% delle mischie a favore costringendo gli avversari al fallo per ben 13 volte. La mischia di Treviso conta tantissimi nazionali tra Italia e Argentina, con il supporto del nuovo innesto Scott Scrafton abilissimo nel “lavoro sporco” in mezzo al campo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...